"Christian Worship"

IL REGALO

Per il suo compleanno una principessa ricevette dal fidanzato un pesante pacchetto dall’insolita forma tondeggiante.

Impaziente per la curiosità, lo aprì e trovò Una palla di cannone. Delusa e furiosa, scagliò a terra il nero proiettile di bronzo. Cadendo l’involucro esteriore della palla si aprì appare una palla più piccola d’argento. La principessa la raccolse subito.

Rigirandola fra le mani, fece una leggera pressione sulla sua superficie. La sfera d’argento si aprì a sua volta e apparve un astuccio d’oro. Questa volta la principessa aprì l’astuccio con estrema facilità. All’interno su una coltre di velluto nero, spicca un magnifico anello, tempestato di splenditi brillanti che facevano corona a due semplici parole: TI AMO!

Molta gente pensa, la Bibbia non mi attira. Contiene troppe pagine austere e incomprensibili. Ma chi fa lo sforzo di rompere il primo involucro, con attenzione e preghiera, scopre ogni volta nuove e sorprendenti bellezze. E soprattutto verrà presto colpito dalla chiarezza del messaggio divino inciso nella Bibbia: DIO TI AMA. Se desideri che la tua vita cambi prova a riflettere su questo piccolo pensiero. Non ti fermare davanti al primo ostacolo, vai avanti, solo allora scoprirai la perla di grande valoro. Gesù!

"UN INVITO SPECIALE PER TE”

"MERCATINO DELLA SOLIDARIETA'"

Incontriamo insieme per sostenere

chi è nel bisogno.

Sostieni una Vita, Sostieni i Progetti !

Siete invitati all'evento,  l'ingresso è libero.

  Viale Giuseppe Stefanini, 32

Roma - Pietralata

________________________

 

Oggi mi impegno a:

 

... Non rispondere in modo aggressivo o scortese, quando mi importunano con impazienza o con cattiveria. Mi impegno a rispondere con dolcezza.

 

... Chiedere a Dio di benedire i miei nemici. Se qualcuno mi tratta in modo ingiusto, pregherò subito affinché Dio lo benedica. Potrebbe trattarsi di un membro della mia stessa famiglia, di un vicino di casa, di una compagna di lavoro, di un fratello o di una sorella della chiesa, oppure di uno straniero.

 

... Sorvegliare attentamente le parole che dirò: prima di parlare, rifletterò, e soprattutto non riporterò malignità e non divulgherò fatti che potrebbero danneggiare il mio prossimo.

 

... Andare oltre lo stretto necessario: mi soffermerò sui bisogni di coloro che mi stanno accanto e sarò pronto ad ascoltarli. ... perdonare. Perdonerò prontamente chi mi ferirà oggi e il male che mi è stato fatto ieri e che custodisco con rancore nei recessi più nascosti del mio cuore.

 

... Fare un gesto gentile, ma lo farò con discrezione. Aiuterò anonimamente e benedirò a voce alta.

 

... Trattare gli altri come vorrei che trattassero me.

 

... Sollevare il morale di una persona scoraggiata. Con il mio sorriso, con le mie parole, con la mia preghiera silenziosa, combatterò perché la depressione sia vinta.

 

... Prendermi cura del mio corpo. Mangerò di meno e meglio, ringrazierò il Padre per il dono meraviglioso del mio corpo e degli alimenti. Cercherò di mantenerlo in forma facendo un po' di sano movimento, risvegliandomi da quel torpore che spesso mi affligge. E soprattutto mi impegno a...

 

... Crescere saggiamente. Passerò più tempo nella lettura della Bibbia, in un luogo tranquillo e appartato, e parlerò con il Padre celeste in preghiera.

 

Credo che dopo tutti questi impegni, non mi rimarrà molto tempo per le chiacchiere inutili, per la TV e per i giornali che non edificano la mia VITA.

 

 

"COMUNICAZIONI"

INCONTRIAMOCI INSIEME

SARA' PER TE UN ESPERIENZA BELLISSIMA

PALLONCINI E CARAMELLE

PER I PIU' PICCOLI 

 

_______________________________________________

 

PER EFFETTUARE UNA DONAZIONI

Conto Corrente

Versamento con Bollettino Postale 

n. 1017679976

 

Intestato a:

"GuardaOltre" Onlus  

 

  Coordinate IBAN:   

 IT 16 M0760 1032 0000 1017679976

 Codice BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

__________________________________

Ricorda che la tua offerta è totalmente detraibile o deducibile a “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997”  

conserva la ricevuta, con la prossima dichiarazione dei redditi 730 o Unico, potrai beneficiare delle agevolazioni fiscali.  

  ______________

 

SEI  ENORMEMENTE  MAGNIFICA…

 

 

 

Così scrive una tredicenne nel suo diario personale. Il mio papà dice che sono enormemente magnifica.

 

Io mi chiedo se lo sono davvero.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Sara dice che bisogna avere bellissimi lunghi capelli ricci come i suoi. Io non li ho.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Gianni dice che bisogna avere i denti più bianchi e perfettamente dritti come i suoi. Io non li ho.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Marco dice che bisogna essere la più intelligente della classe. Io non lo sono.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Stefano dice che bisogna saper dire le battute più buffe della scuola. Io non lo so fare.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Mattia dice che bisogna indossare solo vestiti più carini e le scarpe più alla moda. Io non li indosso.

 

Per essere enormemente magnifica…

 

Samantha dice che bisogna provenire da una famiglia perfetta.

 

Non è il mio caso.

 

Ma ogni sera quand’è ora di dormire, papà mi abbraccia forte e dice: “Tu sei enormemente magnifica e io ti voglio bene” ! Papà deve sapere qualcosa che i miei amici non sanno…

 

Anche Dio in ogni istante ti abbraccia forte e dice “Tu sei enormemente magnifica e io ti voglio bene”! Dio deve sapere qualcosa di te che gli altri non sanno.

 

 

  

"Worship Songs"

Il vero amore

 

Era una mattinata movimentata, quando un anziano gentiluomo di un’ottantina di anni arrivò per farsi rimuovere dei punti da una ferita al pollice. Disse che aveva molta fretta perché aveva un appuntamento alle 9:00. Rilevai la pressione e lo feci sedere, sapendo che sarebbe passata oltre un’ora  prima che qualcuno potesse visitarlo. Lo vedevo guardare continuamente il suo orologio e decisi, dal momento che non avevo impegni con altri pazienti, che mi sarei occupato io della ferita. Ad un primo esame la ferita sembrava guarita: andai a prendere degli strumenti necessari per rimuovere la sutura e rimedicargli la ferita. Mentre mi prendevo cura di lui, gli chiesi se per caso avesse un altro appuntamento medico dato che tanta fretta. L’anziano signore mi rispose che doveva andare alla Casa di Cura per far colazione con sua moglie … era malata di Alzheimer. Gli chiesi se per caso la moglie si preoccupasse nel caso facesse un po’ tardi. Lui mi rispose che lei non lo riconosceva già da 5 anni. Ne fui sorpreso e gli chiesi :

“E va ancora ogni mattina a trovarla anche se non sa chi è lei ?” – L’uomo sorrise e mi battè la mano sulla spalla dicendo : “ LEI NON SA CHI SONO IO, MA IO SO ANCORA PERFETTAMENTE CHI E’ LEI”.

Dovetti trattenere le lacrime … avevo la pelle d’oca e pensai QUESTO E’ IL GENERE DI AMORE CHE VOGLIO NELLA MIA VITA.

Il vero amore non è né fisico, né romantico, il vero amore è l’accettazione  di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà.

"L'amore è paziente, è benevolo, l'amore non invidia, non si vanta, non si gonfia, non si comporta in modo sconveniente, non cerca il proprio interesse, non s'inasprisce, non addebita il male, non gode dell'ingiustizia, ...soffre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa" (Lettera di S. Paolo ai Corinti cap. 13)

"NESSUNA LACRIMA...!"

NESSUNA LACRIMA SENZA CONSOLAZIONE

 L’esperienza del dolore accomuna ogni essere umano. Diversi sono i tipi e i livelli di dolore e molte sono le cause scatenanti: una malattia, una disgrazia, o un lutto improvviso ecc…

Si possono affrontare particolari difficoltà che ci fanno sentire in balia delle onde: la barca della nostra vita naviga in un mare di preoccupazioni in tempesta, e nessun comando sembra più rispondere alla nostra volontà, semplicemente perché il timore non funziona più. Diversi sentimenti abitano il nostro cuore: tristezza, dolore, rabbia, ribellione o disperazione. Tutte le cose normali diventano superflue. Un’infinità di domande frullano nella nostra testa: perché ? Perché è capitato questo a me ? Dio, dove eri Tu ? Non so perché la colpa l’addossiamo sempre a Dio !! Chi capisce il mio dolore ? Come ne esco fuori ? c’è speranza per il mio futuro ?

Reazioni naturali

Di fronte al dolore si può reagire in tanti modi e molto dipende dalla gravità della situazione e dalla tipologia di carattere. Ci sono persone che si chiudono in sé e cadono in depressione: altre hanno paura che le capitano le cose peggiori, non avendo più fiducia in niente e in nessuno.

Ce ne sono alcune, specialmente uomini che evitano o non riescono a parlarne e sperando di non pensare più alle cose successive, si buttano a capo fitto nel lavoro. Le donne diversamente possono diventare maniache della pulizia della casa. Non si altro che sfuggire dalla realtà cercando di annullarsi nel materialismo, colmando il vuoto interiore con il piacere derivante dal lusso, dai viaggi, dal divertimento sfrenato o ancora tramite i cibi, alcool, droga, ecc… Purtroppo ci sono anche persone che negano il proprio malessere e la realtà del dolore: sono deluse, tristi e sconvolte per una disgrazia o un lutto.

Negando la realtà si convincono di non poter elaborare quel dolore. Ma nascondersi è peggio perché prima o poi il dolore verrà a galla.

La consolazione

Solo un cuore umile può ricevere consolazione. Chi sottomette il suo dolore alla consolazione di Dio sperimenterà un meraviglioso processo riequilibrio tra sentimenti e fede. Dare consolazione e riceverne non è semplice, pensiamo che la consolazione pone al posto giusto il dolore. Il dolore non è qualcosa di sbagliato perché è normale reagire alla sofferenza che si procura.

E’ fantastico essere circondati da persone che ti stanno vicino e ci consolano, ma sappiamo che ogni consolazione umana è limitata, solo Dio è il Dio di ogni consolazione, per ogni tipo di tristezza e in ogni momento. Egli prende il nostro dolore sul serio, ci credi o non ci credi, dobbiamo soltanto permetterlo che Lui lo faccia. Nessuna lacrima resta senza consolazione. Dobbiamo aprire il nostro cuore a Lui: permettere al Consolatore, lo Spirito Santo di prendersi cura di noi, ricordandoci la fedeltà ad ogni promessa proclamata nella bibbia per la nostra vita.

Dio vede la nostra vita in disastro ed ascolta le nostre preghiere e grida d’aiuto.

 Se attraversiamo le macerie del nostro mondo infranto con la nostra mano stretta a quella di Dio, possiamo ascoltare le sue parole: “Quando dovrai attraversare le acque, io sarò con te; quando attraverserai i fiumi essi non ti sommergeranno; quando camminerai nel fuoco non ti consumerà: Iasia 43:2

Sappi che nessuna lacrima rimarrà senza consolazione, neanche la tua…!