"worship"

 

"IL MURO"

In un deserto aspro e roccioso vivevano 2 eremiti.

Avevano trovato due grotte che si spalancavano vicine, una di fronte all’altra. Dopo anni di preghiera e feroci mortificazioni, uno dei due eremiti era convinto di essere arrivato alla perfezione. L’altro era un uomo altrettanto pio, ma anche buono e indulgente. Si fermava a conversare con i rari pellegrini, confortava e ospitava coloro che si erano persi e coloro che fuggivano. Tutto tempo sottratto alla meditazione e alla preghiera. Pensava il primo eremita, che disapprovava le frequenti, anche se minuscole, mancanze dell’altro. Per fargli capire in modo visibile quanto fosse ancora lontano dalla santità, decise di posare una pietra all’imboccatura della propria grotta ogni volta che l’altro commetteva una colpa. Dopo qualche mese davanti alla grotta c’era un muro di pietre grigio e soffocante. E lui era murato dentro. Talvolta intorno al cuore costruiamo dei muri, con le pietre quotidiane dei risentimenti, delle ripicche, dei silenzi, delle questioni irrisolte, delle imbracciature… Il nostro compito più importante è impedire che si formino muri intorno al nostro cuore. E soprattutto cercare di non diventare “una pietra in più nei muri degli altri”.

 

 

 

PER SOSTENERE I PROGETTI E LE INIZIATIVE DONACI UN PICCOLO CONTRIBUTO

COLLEGATI SUL PORTALE "RETE DEL DONO" - Link a fianco - GRAZIE -

 

 

"Comunicazioniā€

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"PUNTO DI ASCOLTO"

AIUTIAMO A COSTRUIRE SPERANZE

AIUTO ALLA FAMIGLIA

e ALLA PERSONA

DISTRIBUZIONE GRATUITA

PACCO ALIMENTARE

& VESTIARIO

SIETE INVITATI

VIA DEI BERIO, 70 

Tutti i VENERDI'  

Dalle ore 17,30 - 19,30

(ZONA - TOR TRE TESTE)

TI ASPETTIAMO - INGRESSO LIBERO

 _______________

 Quando siamo troppo allegri, in realtà siamo infelici.
Quando parliamo troppo, in realtà siamo a disagio.
Quando urliamo, in realtà abbiamo paura.
In realtà, la realtà non è quasi mai come appare.
Nei silenzi, negli equilibri, nelle “continenze”

si trovano la vera realtà e la vera forza.
Virginia Woolf

 

"Sostieni i Progetti"

 EFFETTUA UNA DONAZIONE

 Bollettino Postale 

Conto n. 1017679976

 Intestato a:

"GuardaOltre" Onlus  

 Bonifico Postale 

Coordinate IBAN:   

 IT 16 M0760 1032 0000 1017679976

 Codice BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

__________________________________

Ricorda che la tua offerta è totalmente detraibile o deducibile a “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997”  

conserva la ricevuta, con la prossima dichiarazione dei redditi 730 o Unico, potrai beneficiare delle agevolazioni fiscali.  

  ______________

 

 

"Worship"

"LA MANO"

Un uomo che aveva subito un intervento a cuore aperto, raccontava la sua esperienza. Il giorno prima dell’intervento chirurgico una bella infermiera era venuta nella sua stanza per visitarlo. Le aveva preso la mano, l’aveva stretta e poi le aveva detto di sentire la sua e di stringerla a sua volta. – Ascolti – disse la donna, durante l’operazione di domani lei verrà separato dal suo cuore e tenuto in vita solo dalle macchine. Quando il suo cuore sarà finalmente sistemato e l’operazione terminata, riprenderà conoscenza e si sveglierà in una stanza di rianimazione. Tuttavia, dovrà restare immobile per sei ore. Potrebbe non riuscire a fare alcun movimento, a parlare, persino ad aprire gli occhi, ma sarà cosciente; sentirà e comprenderà tutto ciò che le succede intorno. Durante quelle sei ore io rimarrò al suo fianco e le terrò la mano, proprio come sto facendo ora. Starò con lei finché non si sarà ripreso completamente. Anche se potrà sentirsi inerme, quando sentirà la mia mano saprà che io non la lascerò. Successe esattamente quello che l’infermiera mi aveva detto, spiegava l’uomo. Mi svegliai e non riuscivo a fare nulla. Potevo però sentire la sua mano che stringeva la mia, per ore, e fu questo a fare la differenza in quel letto d’infermità. Consideriamo che non c'è nulla di meglio per l'uomo del mangiare, del bere e del godersi il benessere in mezzo alla fatica che egli sostiene; ma anche questo ho visto che viene dalla mano di Dio. Ricordati che Poich'egli è il nostro Dio, e noi siamo il popolo di cui ha cura, e il gregge che la sua mano conduce. Ti senti preso per la mano, se non ti senti stendi la tua mano e LUI stenderà la sua per salvarti. Lo prese per la mano destra, lo sollevò; e in quell'istante le piante dei piedi e le caviglie gli si rafforzarono.

"Prince of Peace"

COSA FARO’ !

 

Una donna che non aveva grandi risorse economiche, trovò un uovo. Tutta felice chiamò il marito e i figli e disse loro: Tutte le nostre preoccupazioni sono finite. Guardate un po’; ho trovato un uovo! Noi non lo mangeremo, ma lo porteremo al nostro vicino perché lo faccia covare dalla sua chiocca. Così presto avremo un pulcino, che diventerà una gallina. Noi naturalmente non mangeremo la gallina, le faremo deporre molte uova, e dalle uova avremo molte altre galline, che faranno altre uova. Così avremo molte galline e tante uova. Noi non mangeremo né galline, né uova, ma le venderemo e ci compreremo una vitellina. Alleveremo una vitellina e la faremo diventare una mucca. La mucca ci darà altri vitelli, finché avremo una bella mandria. Venderemo la mandria e ci compreremo un campo, poi venderemo a compreremo, compreremo e venderemo. Mentre parlava, la donna gesticolava. L’uovo le scivolò di mano e si spiaccicò in terra. Amico sappi che i nostri propositi assomigliano spesso alle chiacchiere di questa donna: Farò, Dirò, Rimedierò.. Hai me! Passano i giorni e gli anni e non facciamo niente di tutto questo. Non ti vantare del domani, poiché non sai quel che un giorno possa produrre. Affida al SIGNORE le tue opere, e i tuoi progetti avranno successo.